QuiRebbio

Sorprese con arnesi da scasso in un condominio di Rebbio: espulse due croate

Le ragazze hanno tentato di forzare il portone di un palazzo di via della Bastiglia

Hanno cercato di forzare il portone d'ingresso di un condiminio di via della Bastiglia a Como (zona Rebbio) ma un residente del palazzo le ha notate e ha allertato la polizia. Nei guai due ragazze di nazionalità croata che non hanno saputo giustificare la loro presenza nei paraggi agli agenti delle volanti della Questura di Como intervenuti immediatamente. Dopo avere riscontrato che effettivamente il portone era stato forzato gli agenti hanno condotto le ragazze in questura per accertamenti. Inoltre, in un porta ombrelli del palazzo sono stati trovati arnesi da scasso. Non poteva essere una coincidenza. Dagli accertamenti è risultato che entrambe le croate avevano numerosi precedenti penali e diversi alias con i quali si erano fatte identificare dalle forze dell'ordine. 

Le ragazze sono state indagate in stato di libertà per tentato furto in abitazione e, accertata la loro nazionalità croata, il pm ha rilasciato nullaosta all'espulsione. ENtrambe sono state messe a disposizione dell'Ufficio Immigrazione per gli adempimenti amministrativi. La questura infatti, considerata la loro irregolare presenza sul territorio ha disposto l'accompagnamento delle giovani al Centro di Permanenza per i Rimpatri di Ponte Galeria, Roma, per il successivo allontanamento dal territorio nazionale. Anche  i cittadini europei, infatti,  possono essere allontanati, ai sensi dell'art. 20 del del decreto legislativo. 30 del 2007.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I magnifici 7: ecco i migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Le 10 migliori pizzerie di Como (e dintorni)

  • Malore per una bambina appena nata: paura in centro Como

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Como, studentessa aggredita e molestata alla fermata del bus: arrestato in piazza Vittoria

  • Abusi sessuali su quattro bambine: denunciato un allenatore di Como

Torna su
QuiComo è in caricamento